femminismi.it

un osservatorio sulla libertà femminile

– All’itaLiane, versi dei 150 anni

Abbiamo il piacere di ospitare il primo dei sei componimenti di Dada Knorr scritti in occasione del festeggiamento dei 150 di lesbismo unito. Prosit!

n.1, Nessuna dote.

nessuna dote
per la figlia lesbica è prevista
dagl’italici usi
non cassettoni per lino fiorentino
con cifre ricamate ai matrimoni
né candide garze schiudon
olezzanti lavande atte a lenir
il piede maritale

no

solo in maturità il letto saffico fiorisce
di lenzuola ereditate,
le federe spaiate lasciano il campo
ed aviti tovaglioli ancora intonsi
con scritto “lei” e “lui” s’aprono
in bagno a deterger sol  fiche
Ahi madri! Ahi nonne e zie!
eppur serbavate anche per noi
ormai scipite amanti incanutite
i punti croce ambiti, simbol di nostri
familiari riti!

e noi soffrimmo di nozze festeggiate
con affettati risi e pei perlacei rasi
sciorinati alle sorelle ingrate
che i bauli vuotaron tutte svelte
per impinguare i loro armadi a rate …

or nella maturità e nel divorzio usato
esse dispiegan stanche alla lor vista
il blasonato copriletto di batista
mentre noi, come novelle spose
con un connubio più o meno cristallino
ci emozioniamo per un set da tavolino:
esso s’appaia sì perfettamente
con le due tazze col “love” decorato
già regalate dalla zia Giovanna
quando mettemmo sù cuori e capanna,

unico segno di benedizione
obliqua, portentosa e matriarcale
al nostro candido tormenton nuziale.

Annunci

2 commenti su “– All’itaLiane, versi dei 150 anni

  1. A+
    febbraio 23, 2011

    Pregiatissima poeta, è con piacevolissima sorpresa che m’imbatto in questo suo componimento.

    Che noi donzelle non s’abbia tradizional accesso ad una dote, è certo vero, in questi tempi assai arretrati. E l’ingiustizia resta, ed è bene rammentarlo.

    Soggetta come fui ad un destin siffatto, mi premeva vieppiù verseggiar di un risvolto che, segretamente, di cotanta esclusione pur mi rallegra: dell’aver acquistato di tasca mia la dote (fin pure alle stoviglie del servizio buono) mi piacque il non essermi trovata ad accettar con umiltà bovina nefasti orrori d’altri tempi (per poi pigiarli a fare massa negli armadi) – e l’aver spazzato ogni tristezza con la libertà (e il gran piacere) di giacere, e tergermi, e apparecchiare con grande stile e secondo l’ultimissima moda.

    Mentre attendo prossimi versi di denuncia dall’illustre sua piuma, li chiederei più scevri (se vuole) dalle scabrosità iperboliche del carnevale. Ché la provocazione mi pare assai più ardita (e roboante) allorquando essa è sottile.

    A+

  2. Cristiana
    febbraio 24, 2011

    ma dai anche componitrice di versi…..federe spaiate ahhhhhh!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il febbraio 23, 2011 da in immagine femminile, lesbismo con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: