femminismi.it

un osservatorio sulla libertà femminile

-Carnevale di Fano 2012 tra i carri … la figuraccia di 1a categoria.

 Avevamo visto l’intervista della Rai regionale ai due ideatori del carro di Prima categoria del Carnevale di Fano, “La vedova nera” e il giornalista che chiedeva … “non avete paura delle femministe? Abbiamo potuto approfondire, leggendo sul pieghevole distribuito in occasione del Carnevale di Fano edizione 2012, la descrizione di questo carro: “… la vedova nera … terribile ragno che approfitta del maschio per poi divorarlo … ha tessuto la sua insidiosa ragnatela mediatica ed è riuscita a intrappolare la classe politica …”. Ci è sembrata una fantasiosa rilettura dei recenti scandali, rifatta a danno dell’immagine femminile e in spregio della realtà dei fatti. Altro che satira!  Due uomini, quindi, pensano ad un carro che mette in mostra una fantomatica figura femminile onnipotente che seduce con le sue arti attraverso le veline e le ragazze compiacenti i “poveri politici” (sic) e uomini di potere. I malcapitati cadono come prede della terribile donna mostruosa e velata, il vero incubo dei due carristi. Chi c’è dietro quella veletta di vedova? La Donna Mostro (quasi una dea) che muove con il suo potere sessuale ogni reazione maschile è la più antica e becera mistificazione della femminilità per cui ogni male del mondo deve essere ricondotto alla donna che seduce e rovina l’uomo. E’ come se a dirigere i palinsesti delle TV generaliste (la “ragnatela mediatica”), al posto di una classe dirigente che ha anche governato il Paese, rovinandoci, ci fosse stata una donna – accidenti non ce ne eravamo accorte!
Una donna più potente del Papa, di Obama e di Putin messi insieme, una che può portare via il cervello agli uomini solo con le sue arti magiche fatte di corpi esposti come in macelleria. Che ciò sia falso, perché queste donne non hanno autorità, autonomia e libertà ma sono solo oggetti a misura del desiderio maschile,ormai è stato capito anche nella nostra provinciale italietta,la realtà è invece ancora fatta di violenze, femminicidio, disparità sul lavoro e nella società. Sembra che al Carnevale di Fano dove tra i carristi scelti non c’è neppure una donna, siano ormai fuori tempo massimo (certe cose facevano ridere pochi ottusi fino al 2011… ma siamo nel 2012). In tutto il Paese soffia un vento di rinnovamento della coscienza dopo un ventennio asfissiante di manipolazione e sovra-esposizione del corpo delle donne usato dal potere mediatico e politico (ultimi rigurgiti senili a Sanremo). Ovunque si promuovono riflessioni e si lavora sull’educazione per promuovere il rispetto e la libertà femminile e una migliore relazione tra i generi . Proprio ora la finta satira di una piccola fetta della città del carnevale, che vede solo il proprio ombelico e non il resto del mondo – si concentra su qualcosa che non riesce a far ridere più nessuno. E rischia di rovinare una festa fatta per i bambini e per la gioia dello stare insieme, dando il via all’ultimo di una serie di avvilimenti della figura femminile. Soprattutto a Fano, che già era stata palcoscenico di carri ben poco carnevaleschi e dal sentore xenofobo (come quello sulla decrescita demografica del 1996, “I galli italici” che non covavano più) auspichiamo che al prossimo Carnevale, i nostri campioni del vittimismo possano aggiustare questo terrore del femminile con un bel carro sul Viagra ed il suo potere maschile che distrugge la psiche degli uomini e li riduce schiavi dei loro peggiori incubi, un po’ di salutare autocoscienza! Femminismi , donne di Fano-Pesaro-Urbino. 24 febbraio 2012. https://femminismi.wordpress.com

Annunci

12 commenti su “-Carnevale di Fano 2012 tra i carri … la figuraccia di 1a categoria.

  1. Daniela
    febbraio 25, 2012

    Braveeeeeeeeeeeeeeeeeeee! Sono stata al Carnevale domenica scorsa e non sapevo cosa dire ai mieli figli che si sono spaventati e sono voluti andare via … ero sconcertata, un carro brutto e svilente! Possibile che nessuno ha avuto un’idea più ironica e davvero divertente?

  2. romeo angelo
    febbraio 25, 2012

    avete ragione a prendervela,con certi costumi (scostumati)e irriverenti;verso la donna .Che non fa onore all’uomo.

  3. Caterina Andreozzi (Ragazza che ballava sul carro della Vedova Nera)
    marzo 5, 2012

    Ahahahahah…mi fate ridere!Se vi sentite chiamate in causa un motivo ci sarà. Questo carro rappresenta la realtà, e quindi…perché negare l’evidenza? E’ carnevale, rilassatevi!A buon intenditor poche parole!

  4. olga
    marzo 5, 2012

    olga ( ragazza che ballava sulla vedova nera ) ma stiamo scherzando !!! 1. onore all’uomo da come tratta la donna… ma neache a pensarci. 2. questo quadro non mette in ridicolo la donna anzi, la mette in luce facendo vedere che è lei che comanda !!! ricordo a tutti CHE A CARNEVALE SI IRONIZZA E SI PORTA TUTTO AL MASSIMO PROPRIO PER FARE CARICATURA E PER GIOCARE UN PO… CARNEVALE è IL MOMENTO IN CUI TUTTI NOI POSSIAMO ESAGERARE SENZA PREOCCUPARCI… CARNEVALE è UN GIOCO E SE PERSONE COME VUOI NON SANNO NEMMENO CAPIRE LA DIFFERENZA TRA REALTà E GIOCHI ALLORA è MEGLIO CHE SI DIANO UNA SVEGLIATA PERCHè SE IL CARRO FOSSE STATO VERAMENTE COME VOI DICEVATE … NOI RAGAZZE CHE CI BALLAVAMO NON CI SAREMMO MAI SALITE SOPRA!!! IO SONO UNA DONNA COME TUTTE E VOI E SONO CONTRO GLI STEREOTIPI ECCO PERCHè HO ACCETTATO DI STARE SOPRA UN CARRO CHE PRENDEVA INGIRO QUESTI STUPIDI STEREOTIPI DAI QUALI VOI NON RIUSCITE A STACCARVI !! ecco tutto e se nemmeno questo serve ad aprire i vostri orizzonti ed a capire … allora rimanete nella vostra ignoranza.. io ho detto solo la pura e vera verità. grazie.

  5. olga
    marzo 5, 2012

    sempre olga …. dico solo che se non lasciate nemmeno liberi i commenti… allora non siete per la libertà !!!!

  6. admin
    marzo 6, 2012

    eilà! calma néh!!!…oltre che superficiali nel leggere i comunicati stampa, anche fumine! comunque questo non è il bar, ma un blog in cui pubblichiamo solo quello che ci interessa, se vuoi la libertà di replicare così superficialmente scriviti anche tu un comunicato stampa 😉 visto che “è la donna quella che comanda” (comandare, che concetto maschilista…) te lo pubblicano di sicuro. 😉

  7. centrodonnaurbino
    marzo 6, 2012

    se il carnevale è esagerare senza doverci preoccupare allora lo si potrebbe fare anche con intelligenza e non facendo la parodia di una cosa (il potere delle donne in chiave sessuale mah!) dal punto di vista maschile e che diciamolo fa solleticare solo i genitali degli uomini, quelli veri però! Basta guardare le foto del Sindaco di Fano che alla Fano dei Cesari si fa accompagnare da una giovanissima donzella vestito da romano; di che cosa fa la parodia Aguzzi di un maturo porco o di un padre compiacente del suo frutto? Sappiamo anche che l’esercito romano aveva al suo seguito migliaia di prostitute nonchè schiave di uomini che dopo la battaglia continuavano la violenza sul loro corpo!
    Chiedo alle donne che sfilano seminude (non perchè sono scostumate che termine bigotto) o per il carnevale o per Miss Fano che piacere possiate provare nel farvi gurdare da uomini che magari sotto sotto vi disprezzano!

  8. Claudia
    marzo 6, 2012

    Alle ragazze che hanno ballato sul carro: perchè ve la prendete? Il comunicato è stato scritto per evidenziare le responsabilità di chi l’ha voluto ed ideato. Perchè vi sentite così piccate? E perchè, Olga, offendere chi non ha offeso? Forse urlare più forte degli altri dà sostanza a quello che dici? Non direi proprio, a cominciare da quello che affermi con tanta sicurezza… la donna che comanda. Già da questo si vede che non sei fuori dagli stereotipi.
    Su un sito internet una persona che ha letto il comunicato e, che evidentemente non è della zona, ha scritto che da queste cose si capisce l’humus in cui è maturata l’orrenda vicenda dell’estate scorsa a Fano. Purtroppo, questo humus non è tipico di una sola zona, ma di tutta l’Italia ed il carro è perfettamente incastonato in questo continuo svilimento della donna a cui assistiamo giornalmente. Svilimento voluto anche da altre donne che non si accorgono di essere utilizzate e, anzi, pensano di “comandare”. E di questo ce ne siamo resi conto anche con le note vicende di Berlusconi. Ragazze usate che pensavano di usare.
    Se volete un confronto, se volete capire perchè delle donne ed uomini hanno disapprovato il carro su cui ballavate (e non voi), mantenete dei toni tranquilli.

  9. admin
    marzo 6, 2012

    sì, sono d’accordo con Claudia, dalle repliche di queste due ragazze che ballavano sul carro sembra che il comunicato di Femminismi critichi un carro con cui sono totalmente d’accordo, in realtà il carro è stato ideato da due maschi, che non credo le abbiano consultate circa questa bella idea di rappresentare le donne che “tengono i poveri politici al guinzaglio”, come se noi donne fossime sempre le grandi macchinatrici mentre in realtà in Italia non abbiamo l’autorità di fare quasi niente, neanche nello spettacolo, basti vedere il Festival di Sanremo di quest’anno, tante donne cantanti ma i soliti presentatori e predicatori maschi che parlano addirittura di religione come fossero unti dal signùr…e intanto guardano le tette dell’Ivana, messa lì come decorazione, come se Sanremo fosse fatto a misura dei gusti dei maschi eterosessuali. e in effetti è così. si dice sempre “si scherza” “è uno scherzo” ma in realtà lo scherzo nasconde la realtà, cioè un Paese arretrato nel quale le donne fanno tanta fatica a fare professioni considerate “maschili” e anche in politica non contano un cavolo.

  10. olga
    marzo 6, 2012

    sono sempre olga… e mi dispiace anche molto che i miei toni e le mie intenzioni siano state fraintese… ma non credo di aver esagerato dicendo solo quello che pensavo e scrivendolo in stampatello non volevo sottolineare il mio tono di voce ma volevo evidenziare dei concetti importanti per me e comunque non mi sono alterata… ho voluto solo farvi sentire la mia opinione che per voi può contare o no… se ho detto o scritto cose che posso aver offeso o disturbato qualcuno di voi vi chiedo gentilmente di perdonarmi e in risposta a admin mi piacerebbe l’idea di un blog libero… per concludere vorrei dire che ho scritto della donna che comanda perchè ultimamente noi siamo tartassati dall’immagine della donna con seni e bocche e quant’altro, provenieti da tv immagini siti e giornali…. per una volta volevo mettere in luce l’immagine della donna non facendola sottostare al volere di uomini schiavisti… ripeto che questo è solo un mio pensiero poichè io il carro non l’ho preso come offensivo ma ci ho riso sopra… comunque ripeto scusate per i malintesi 😀

  11. admin
    marzo 6, 2012

    hai ragione Olga, un blog femminista senza i commenti moderati sarebbe bello, però abbiamo dovuto fare questa scelta perché altrimenti arrivavano commenti molto volgari, e visto che questo blog serve per confrontarci su temi importanti che spesso la stampa comune non pubblica,… abbiamo deciso che non volevamo leggere quella roba sul nostro blog, che doveva rimanere uno spazio dove leggere cose interessanti decise da noi e non la caterva di commenti offensivi spediti da omini che non hanno niente di meglio da fare (sapessi quanti ne arrivano, c’è un sacco di gente online che cerca blog di donne per molestarle). grazie per la tua partecipazione. speriamo pr il prossimo anno che ci sia un carro che ci metta d’accordo tutte quante…magari fatto da una carrista!!!

  12. olga
    marzo 6, 2012

    cara admin sono daccordo assolutamente con le tue opinioni ed ora che mi avete spiegato meglio non posso fare altro che darvi ragione… e se mai ci dovesse essere un carro così… io farò di tutto per andarci sopra non ti preoccupare ;D comunue grazie .. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il febbraio 25, 2012 da in comunicati stampa, comunicazione, immagine femminile con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: