femminismi.it

un osservatorio sulla libertà femminile

-La “donna-cono” e la pubblicità sessista.

manif-carnevale-378x513
Carnevale 2016 a Fano: la campagna pubblicitaria parte con un manifesto raffigurante una donna-cono ripiena di caramelle. L’Ente carnevalesca descrive il manifesto con l’ennesima raffigurazione di una donna-oggetto scrivendo che “lo spazio metafisico senza tempo evoca le figure dei manichini, le muse dei dipinti di De Chirico”, che peccato confondere anche le autorevoli muse dell’artista con una marionetta esanime (a mani alzate: ci arrendiamo?) a gonna in sù… Ci chiediamo come sia possibile anche questa ennesima toppata istituzionale nei confronti della sensibilità delle donne, considerato anche che pareva che nel novembre 2014 il Comune di Fano avesse recepito una mozione che impegnava l’istituzione a tutelare l’immagine femminile in coerenza con quanto concordato da IAP (Istituto Autodisciplina pubblicitaria)e ANCI. Una Giunta più di parvenza che di sostanza quindi.
Di fronte alle proteste anche di una assessora, Bargnesi, e di una consigliera (Luzi), ma anche alle proteste di alcuni soci dell’Ente Carnevalesca, l’assessore Marchegiani svicola, come sempre, dichiarando che si tratta di un manichino, appunto.
E non finirebbe qui, con la solita scontata manipolazione dell’immagine femminile (quanto sarà costata questa opera di ingegno?): al carnet di Ballo si aggiunge anche la trovata della corsa di uomini in mutande, giudicati da una giuria femminile… ci chiediamo: di chi sarà stata l’idea? Di socie della Carnevalesca in cerca di alternativa alle solite Miss? Di soci maschi gay non dichiarati (si sa che nel paesello essere gay non paga, altrimenti la giuria l’avrebbero fatta loro)? Insomma, non si tratta certo di pruderie, che certo, come saprete, Femminismi non possiede, se diciamo che il Carnevale “dei bambini” e del cioccolato sta assumendo più lo stile del sessismo, quasi una fissazione, che quello della satira e dell’ironia.
Cosa dovrebbe fare il Consiglio comunale fanese? Applicare la tutela dalla pubblicità sessista e chiedere alla Carnevalesca di fare un altro manifesto, tanto per iniziare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: