femminismi.it

un osservatorio sulla libertà femminile

– Capodanno. Requiem a una padella antiaderente.

lo_scalogno

E’ con grande soddisfazione che offriamo a tutte le adepte questo “requiem” che è altresì un’ode ad un ambiguo oggetto del quale la nostra si è liberata dalla finestra ieri sera, ferendo senza colpa alcuni soggetti che stavano esplodendo botti di capodanno. La Redazione.

Dovrei buttarti oggi adorata compagna
perché mentre ti lavo scorgo nella tua trama
qualcosa di usurato che dice non sei sana…
quanti anni hai passato con me fedele amica
di frittate, all’ortica.
Ma dentro me il rifiuto dell’indifferenziato
e contrariata prece rivolgo al mio lavabo
giammai intasato
perché tu non perda questo st/rato.

Che io ancor possa debellar sui fornelli
senza esser distratta da informatici orpelli
quel taccone indelebile che si forma altrimenti
se non affogo tutti gli alimenti.
Tu previeni, alleata come la lavatrice
eviti ch’io stazioni come una adescatrice
di fronte ai fuochi sacri del moderno cibare
ed all’altare patrio del tofu da grigliare.

Ave, guerriera avida di colpe patriarcali,
Salve corrosa mistica, misteriosa fusione
che non resisti quanto la pentola a pressione.
Addio, precaria povera prodotta nell’Unione
del tuo metallo e tua tossica pelle,
non riciclabile mito delle padelle.

Dada Knorr.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il gennaio 1, 2016 da in articoli a firma, Gender, matriarcato, web femminismo con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: