femminismi.it

un osservatorio sulla libertà femminile

– Da Fertility Day a …S-Fertility Game!

sfertility-game-4
Passando per i Fertility Fake… . Abbiamo seguito la campagna indetta dal Ministero della salute “per “la prevenzione della sterilità e dell’infertilità”, partita nel novembre 2016 con una serie di infelici immagini che sembravano suddividere la società in bianchi-etero-alto borghesi e in sfigati-tossici-multietnici, le cosiddette “cattive compagnie. Il poster era costruito con immagini da stock, e così brutto che non ci si poteva credere, ed era questo:
fertility_fake_3

Subito partite le versioni “fake”, congiuntamente la ministra Lorenzin pensa bene di far sparire questa promozione della razza WASP e produce manifestini più stile “pedagogia medica anni ’60”. Intanto la fantasia impazza, producendo versioni dell’altra grafica ministeriale, quella con la clessidra (la prima di quelle qui sotto), con sit-in di persone “in attesa” munite di clessidra, o altre interpretazioni grafiche:
fertility_ministero fertility_fake fertility_fake_6
Il sito ministeriale viene prontamente ripulito, mentre ancora circolano versioni fantasiose ed a costo zero del Fertility Day,  e inviti alla fertilità di carattere pratico, intanto si susseguono le critiche sulla stampa e sui social da parte di una miriade di associazioni femministe, di collettivi studenteschi, di forze politiche e associazioni, con campagne mediatiche quali “fertilityfake” e “fertilitymayday”. Un paese che offre così poco ai giovani e poi li invita a procreare con tanto di dito sull’orologio non ha veramente credibilità. “Sono in attesa di…” recitano quindi i cartelli del si- in romano a tema e “la gravidanza dura molto più del mio contratto” scrive una delle grafiche che imitano quella ministeriale.
fertility_fake_7 lorenzin-e-il-fertility-day-831440 

Dopo dure accuse di aver praticamente replicato messaggi per l’incremento della prolificità di mussoliniana memoria, il Ministero abbassa il profilo assestandosi su posizioni difensive, “Proteggi la tua fertilità” è lo slogan delle iniziative programmate in varie città italiane il 22 settembre 2016.
Parlare di pianificazione delle nascite in una società che ancora non sa accettare e gestire la sua naturale multiculturalità non è semplice, soprattutto in un paese come l’Italia, nella quale ancora non si riesce a parlare serenamente di anticoncezionali (il Codice Rocco stabiliva che era vietato parlarne in pubblico, divieto praticamente cessato solo con la Legge 194), e in cui si delega ai nuclei familiari e alla sussidiarietà religiosa la cura dell’infanzia negli orari lavorativi.
Che le donne lavorino poi… . A dissacrare questi argomenti arriva, in ultimo quasi per voler riassumere l’ondata di dissenso, il gioco dell’oca inventato dalla bolognesi della “Favolosa Coalizione”, lo S-Fertility Game disegnato da Valeria Bertolini. Viene inaugurato a Bologna lo scorso 19 novembre e poi è pronto per Roma (manifestazione nazionale Non Una Di Meno il 26 novembre).
Sono 42 tavole a colori che, come scrivono le autrici sono un: ” lavoro collettivo intorno alle tavole disegnate dall’illustratrice Valeria Bertolini, una pratica politica di attivismo altamente creativa, comunicativa e partecipativa.”  Va ricordato che il “Fertiliy Day” è stato indetto dalla Presidenza del Consiglio dei ministri “Visto il piano nazionale per la fertilita’ pubblicato dal Ministero della salute in data 27 maggio 2015, che colloca la fertilita’ al centro delle politiche sanitarie ed educative del Paese”, e nel programma sono inclusi incontri di valutazione della attuazione della legge contenente norme in materia di procreazione medicalmente assistita (Legge 19 febbraio 2004, n. 40), legge nata col governo Berlusconi e che tante critiche ha attratto, per i limiti imposti all’uso delle tecniche di riproduzione, e anche un referendum per cambiarla, nel 2055, che non ha raggiunto il quorum. Legge che dopo tante sentenze ancora non soddisfa chi ne deve e vuole usufruire: coppie sterili, coppie con problemi di salute, e le singole persone, e le coppie non etero? Non è contemplato che possano avere figli.
Le varie tavole del gioco S-Fertility Game anche parlano di tutto questo, con una rappresentazione esilarante.
Giocate (e discutetene) con noi! Prossimamente all’Infoshop di Fano, in via G. da Serravalle 16.

FPA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: