femminismi.it

un osservatorio sulla libertà femminile

– Homo ciuffens, una anteprima.

homo ciuffens

NB: le immagini sono puramente illustrative dell’epoca presente

CARATTERISTICHE GENERALI DELLA SPECIE DAL CIUFFO.

E’ l’unica specie ad avere un solo genere, quello maschile.
Si caratterizza per un ciuffo sulla fronte (liscio o riccio) di cui va fiero, che accarezza spesso ed individua palesemente come suo punto di forza.

Questa specie può qualsiasi cosa: spesso percepisce se stesso come artista, narratore, sociologo, filosofo, storico, critico e psicanalista (tutto allo stesso tempo e ai massimi livelli).
Con abile teatralità afferma banalità imbarazzanti mascherate da verità assolute che scatenano l’ammirazione del pubblico di cui si circonda.
Si sente intellettualmente e fisicamente irresistibile tanto da mostare, in alcuni casi, la propria nudità senza problemi.
Se adulato, inizia ad accarezzarsi il ciuffo lentamente, a sorridere e ad ammiccare.

Può fingere leggero imbarazzo o simulare umiltà mentre in realtà il suo Ego fa la ola e lo si può notare dal sorriso compiaciuto che non riesce a frenare e da come inizia a muoversi sulla sedia, totalmente incapace di controllare il suo entusiasmo.

LE SOTTOSPECIE:

a ) Il custode assoluto della cultura.

Questa sottospecie è stata la prima ad affermarsi ed ha vissuto il periodo di massima espansione dai primi anni 90 fino a metà del primo decennio del nuovo secolo.
L’esemplare di questa sottospecie parte dal presupposto che lui sa e tu sei irrimediabilmente e pateticamente ignorante.
Quindi lui, il depositario assoluto del sapere, non può far altro che provare ad insegnarti qualcosina del suo immane bagaglio di conoscenze letterarie  artistiche, filosofiche, storiche…
Può farlo solo in versione “pop” perché altrimenti sarebbe troppo faticoso per te comprendere.

Di solito utilizza come canale per diffondere il proprio pensiero trasmissioni televisive tematiche ma può anche leggerti dei racconti come facevano i tuoi genitori prima di andare a letto o semplicemente presentarsi per pochi minuti a tutte le trasmissioni come opinionista molto generico (mostrando così pietas per la tua debole capacità di concentrazione).
Attenzione perchè questa sottospecie parte anche dal presupposto che lui non ha tempo da perdere con te…quindi appena messo in discussione, si trasforma.

Se contraddetto il sorriso di benevolenza verso noi ignavi, si trasforma nel ghigno di chi si sta chiedendo che senso abbia regalare perle ai porci.
In casi estremi il custode del sapere passa in pochi secondi dal lessico forbito ed aulico al linguaggio da osteria, all’invettiva, financo alla bestemmia mostrando così la propria capacità innata al dialogo socratico e al confronto costruttivo.

b) Lo psicanalista ciuffens.

E’ la specie che va per la maggiore in questo periodo.

Lo psicanalista parla con voce impostata, gesticola lentamente, sceglie accuratamente le citazioni e le parole più efficaci per stupire…parole che escono dopo pause studiate ed infinite.
Il “simbolico”, la “ creatività”, l’ “archetipo”, il “desiderio”, il “sogno”, il “mistero”, l’ “amore” sono i temi preferiti.
Dà per scontato che tu non abbia capito un tubo di te.
Ma non temere, perchè a tuo contrario, lui sa tutto di te.

Ti conosce profondamente: sa come ami, che tipo di padre/madre/figlio sei, cosa sogni, di cosa hai paura…
E dà anche per scontato che tu abbia bisogno d’aiuto per conoscerti davvero…il suo.
Chi, meglio di lui, può darti consigli per ogni situazione che stai vivendo?

Ma prima di elargire le sue raccomandazioni terapeutiche ha bisogno di destrutturare tutte le tue convinzioni basate solo sul ridicolo e banale buon senso ma che poco hanno a che spartire con Lacan, Jung e similari che cita ossessivamente.
Con voce suadente o in alcuni casi ferma e decisa, ma in ogni caso depositaria di verità, inizia così a massacrare tutti insieme i tuoi Es, Io e SuperIo.

Ridotto il tuo inconscio a purea, ti abbraccia come un padre premuroso e tu finalmente capisci, che senza di lui, saresti davvero perduto/a.

-Ringraziamo la antropologa T.M. per averci anticipato questo breve sunto del suo saggio di prossima pubblicazione.- La redazione.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il maggio 29, 2020 da in articoli a firma, comunicazione, nuove idee con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: